Domenico De Rasmo : giustizia è fatta !

0

       La Corte Sportiva d’appello territoriale assolve il giovane calciatore del 5°Municipio di Bari

Ci sono voluti ben sette lunghi mesi perché la corte sportiva territoriale annullasse definitivamente la squalifica inflitta ad un giovane calciatore di Palese, De Rasmo Domenico per fatti mai commessi e contestati da subito all’arbitro per una gara di calcio e successivamente agli organi federali calcistici. Un clamore mediatico anche a livello nazionale si scatenò sulla vicenda con protagonista un giovane arbitro barese aggredito alla fine della partita. I fatti risalgono a mercoledì 9 Marzo 2019 quando l’ arbitro, Tiziano Albore, della sezione di Bari nella partita del campionato allievi provinciali fra ASD Levante 2008 e Virtus Palese fu aggredito verbalmente e fisicamente alla fine della partita da dirigenti ,calciatori e sostenitori della Virtus subendo diversi danni fisici. Per questo episodio furono adottati provvedimenti disciplinari dalla  LND lega nazionale dilettanti nei confronti della Società Virtus , di in dirigente e di tre giocatori tra cui uno che non centrava assolutamente con l’aggressione all’arbitro, il signor De Rasmo Domenico squalificato fino al 31 Marzo 2020. Per questo i genitori per il tramite del proprio avvocato Paolo Ranieri oltre al ricorso inviarono ai mass media un comunicato “Relativamente ai fatti avvenuti in data 09.3.2019, siamo rammaricati per l’incresciosa aggressione ai danni del giovane arbitro avvenuta a fine partita ma escludiamo categoricamente ogni responsabilità a carico di nostro figlio poiché, come annotato dallo stesso arbitro, a circa 8-9 minuti dalla fine del match, Domenico usciva di campo per infortunio, quindi cedeva la fascia di capitano. Durante l’invasione si trovava in spogliatoio dopo cure mediche alla coscia sinistra tanto da avere forti dolori per tutto il giorno e zoppicare”. L’avvocato Ranieri in quella occasione dichiarava di aver appreso solo dalla stampa dei provvedimenti disciplinari inflitti al giovane Domenico De Rasmo sebbene durante le aggressioni al primo uomo egli fosse in spogliatoio per un infortunio annotato sul referto di gara. Aggiungeva poi di essere assolutamente certo della sua estraneità ai fatti ad egli ascritti e che avrebbe proceduto nelle sedi di giustizia sportiva a chiarire la posizione del giocatore. Dopo ben lunghi sette mesi di indagini (Sic!) il difensore della famiglia De Rasmo, avv. Paolo Ranieri, con un comunicato stampa ai mass media ha riferito che, con decisione del 23.9.2019, la Corte Sportiva d’appello sportiva territoriale aveva definitivamente annullato i provvedimenti nei confronti di De Rasmo Domenico. Le indagini, svolte dalla Procura federale Sportiva, confermavano la tesi difensiva e chiarito l’assoluta estraneità del giocatore rispetto ai fatti a lui ascritti (l’aggressione all’arbitro dopo la partita). Avendo avuto l’episodio anche rilevanza penale l’avvocato Ranieri e la famiglia De Rasmo sono fiduciosi che anche in questo caso De Rasmo Domenico ne uscirà fuori da innocente. Il signor Tommaso De Rasmo si augura che alla pari di quanto avvenuto a Marzo 2019 i mass media possano dare un ampio risalto alla notizia dell’assoluzione del figlio Domenico.                          Gaetano Macina

 

Share.

Autore

Leave A Reply